Alla mia nonna

Occhi limpidi e puri

Come il più bel mare della Sardegna.

Un corpicino esile 

Tenuto in piedi 

Solo da un grande cuore.

Mani calde,

Mani protettive,

Di quelle mani che appena ti sfiorano

Ti convincono che tutto andrà bene.

Quanto mi manchi nonna,

E quanto vorrei per una volta 

Credere ad un fottuto Dio

E pensare che mi sorvegli

Dall’alto e che non sei quindi davvero andata via.

Dicono che il tempo sistema le cose

Ma non è di certo questo il caso.

Guardo quella sedia vuota

Durante i pranzi in famiglia,

Sono in quella casa,

Così diversa 

Quella casa che non è più tua 

Ma che profuma di te,

Di sacrifici e di amore.

Vorrei che tu vedessi

La donna che sono diventata

E chissà se come allora

Ne saresti fiera.

Guardo mio papà,

Il dono più prezioso 

Che mi hai lasciato

E trovo finalmente gli occhi tuoi

Dentro i suoi

E torna un Po di pace dentro me.

“Alla mia nonna,

L’essenza della mia vita.

Colei che mi mancherà sempre.

Ho trovato finalmente il

Coraggio di scrivere a te,

Non riesco però a fermare le lacrime 

Scorrono veloci come tutte le belle parole che ho per te”

Francesca Usai 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...